Search
× Search
9° Convegno Nazionale Aiop Giovani
15769

9° Convegno Nazionale Aiop Giovani

17 MAGGIO 2012, ROMA

La Sanità come motore dello sviluppo italiano. Risorse, Qualità, Attrazione euro-mediterranea.
Le premesse del Convegno del 17 maggio partono dalle Tesi che Aiop Giovani ha presentato negli Stati Generali dello scorso 20 marzo 2012 a Bologna (http://www.aiopgiovani.it/attivita/193).

In quell’incontro – al dibattito aveva partecipato l’Assessore regionale Emilia Romagna alle Politiche per la Salute, dr.Carlo Lusenti, il prof.Giuseppe Rotelli, Presidente del Gruppo Ospedaliero San Donato, il Presidente Nazionale AIOP avv. Enzo Paolini, il Vice Presidente e Direttore scientifico dell'IRCCS Policlinico San Donato prof. Gabriele Pelissero, i membri del Comitato Esecutivo dott. Emmanuel Miraglia e rag. Ettore Sansavini – erano emerse queste convinzioni (ma anche qualche domanda):

1. L’Intero settore sanitario costituisce un grande volano di sviluppo per le risorse che impiega e per l’indotto che genera: maggiore impiego di lavoratori donne, giovani, laureati; valore aggiunto per addetto più alto della media italiana; bassa evasione fiscale; impiego di lavoratori regolari; investimenti in R&S; investimenti in IT; investimenti in tecnologie avanzate; innovazioni di processo.

2. Il Servizio Sanitario Nazionale, con le sue caratteristiche di solidarietà e universalità, è una conquista del nostro Paese. E’ doverosa la ricerca di un suo miglioramento che garantisca equità e sostenibilità finanziaria del sistema. In questa direzione, la sanità privata è una risorsa se collocata in un sistema competitivo sulla base della qualità dei servizi e delle performance.


3. Il settore sanitario italiano non si caratterizza solo come servizio al cittadino ma anche come motore di crescita economica e culturale. Alla luce anche della mobilità dei pazienti europei dal 2013 - per il momento nei servizi poliambulatoriali - è possibile trasformare l’Italia in un hub di servizi sanitari? L’Italia è il secondo o il terzo sistema sanitario mondiale, costituisce quindi un ottimo servizio sanitario pubblico, in cui l’erogatore privato ha un ruolo fondamentale. Ma bisognerebbe forse iniziare a considerarsi imprenditori europei, non soltanto imprenditori italiani, con la sfida di attrarre pazienti dal Centro Europa e dell’intero bacino del Mediterraneo, un mercato che vale 100 miliardi di euro, in cui la Germania è leader con un indice di attrazione solo dell’8%. L’Italia ha i requisiti per svolgere questo ruolo? Quali sono i “lacci” che ne frenano il cammino in questa direzione?

 

 

Introduzione di Domenico Musumeci

Intervento di Ivan Lo Bello

Intervento di Giorgia Bucchioni

Intervento di Alberto Mingardi

Intervento di mons.Andrea Manto

Intervento di Claudio Vella

Intervento di Carlo De Pietro

Intervento di Michele Nicchio

Previous Article Forum RUSAN
Next Article Roma 2012

Documents to download

Comments are only visible to subscribers.
Copyright 2024 by Aconet srl
Back To Top