Search
× Search
Camera. Le risposte del ministro Schillaci durante il Question time
2178

Camera. Le risposte del ministro Schillaci durante il Question time

Mercoledì 28 febbraio u.s., nell'ambito del Question time presso l'Aula della Camera, il Ministro della Salute, Orazio Schillaci, ha risposto a un ciclo di interrogazioni.

Mercoledì 28 febbraio u.s., nell'ambito del Question Time, presso l'Aula della Camera, il Ministro della Salute, Orazio Schillaci, ha risposto alle seguenti interrogazioni a risposta immediata:

n.3-01021, a prima firma Patriarca (FI), in materia di carenza del personale del SSN.

Di seguito una sintesi delle principali dichiarazioni del Ministro:
  • In merito al fenomeno della fuga dei cervelli, preme evidenziare che le statistiche dell'Organisation for Economic Co-operation and Development sul tema della health workforce migration nel periodo dal 2001 al 2021 parlano di un flusso in uscita di circa 31.600 professionisti, tra medici e infermieri. Negli ultimi 20 anni, sono stati resi disponibili, presso gli atenei italiani, circa 194.000 posti per l'accesso al corso di laurea di medicina e chirurgia e circa 302.000 per il corso di laurea in infermieristica.
  • Il reiterarsi, negli anni passati, di manovre finanziarie di contenimento della spesa e, in particolare, dei vincoli assunzionali ha determinato, nel tempo, una grave carenza del personale del SSN, che, unita a un crescente innalzamento della relativa età media, ha portato inevitabilmente a un forte deterioramento delle condizioni di lavoro. Questo ha finito per rendere il SSN meno attrattivo.
  • In merito alle eventuali iniziative finalizzate ad estendere al personale medico l'applicabilità degli incentivi fiscali previsti per docenti e ricercatori rimpatriati, si ricorda che gli stessi, ai fini delle imposte sui redditi, consistono nell'escludere dalla formazione del reddito da lavoro dipendente e autonomo il 90% degli emolumenti percepiti dai docenti e ricercatori in possesso del titolo di studio universitario o equiparato non occasionalmente residenti all'estero che abbiano svolto documentata attività di ricerca o docenza presso centri di ricerca pubblici o privati o università per almeno due anni continuativi e che vengono a svolgere la loro attività in Italia acquisendo, conseguentemente,la residenza fiscale nel territorio dello Stato. Su questo punto, giova dare atto che la riforma fiscale, attuata con il decreto legislativo del 27 dicembre 2023, prevede un nuovo regime agevolato in favore dei lavoratori rimpatriati, stabilendo che i redditi di lavoro dipendente concorrano alla formazione del reddito complessivo limitatamente al 50% del loro ammontare.
  • L'applicazione della disciplina degli incentivi prevista per i docenti e i ricercatori al personale medico potrebbe costituire un possibile incentivo per il rientro dei professionisti nel nostro sistema sanitario in un momento particolarmente critico, dopo una valutazione da parte del Ministero dell'Economia.
La scheda dell'interrogazione è disponibile al link ipertestuale.
 
QUI la risposta completa.
 

- n.3-01023, a prima firma Faraone (IV-C-RE), in materia di risorse per la riforma degli anziani.

Di seguito una sintesi delle principali dichiarazioni del Ministro:
  • Lo schema del decreto legislativo in data 22 febbraio ultimo scorso è stato esaminato in sede di Conferenza unificata ai fini dell'acquisizione dell'intesa. Questa intesa non è stata raggiunta in quanto la Conferenza delle regioni e delle province autonome ha segnalato la necessità di dotare il provvedimento di ulteriori risorse finanziarie aggiuntive e strutturalie ha rilevato che la proposta di limitare la platea dei beneficiari delle misure previste dal Titolo II alle persone che abbiano compiuto 70 anni, come stabilito all'articolo 40, potrebbe comportare l'esclusione dall'assistenza delle persone non autosufficienti con età compresa fra i 65 e i 69 anni, non ancora a carico dei servizi attraverso il Fondo nazionale per le non autosufficienze. L'ANCI, da parte sua, con ulteriori proposte emendative ha chiesto di rinviare la trattazione del provvedimento. Si è provveduto, pertanto, a convocare ulteriori incontri tecnici finalizzati ad affrontare tutti questi aspetti e ad esaminare le proposte. A tal riguardo, si ricorda che lo schema di decreto legislativo in questione prevede lostanziamento di oltre un miliardo di euro per i primi 2 anni.
  • Con specifico riferimento alle iniziative di competenza del Ministero della Salute, si rappresenta che molteplici risorse stanziate nell'ambito dei fondi PNRR vengono assegnate per il finanziamento della telemedicina e dell'assistenza e cure domiciliari. I servizi sanitari erogati in telemedicina, in particolare, si inseriscono nella corrente gestione sanitaria dei pazienti che accedono ai servizi diagnostici afferenti al proprio servizio sanitario regionale. Si ricorda, al riguardo, che gli investimenti infrastrutturali e sistemici hardware e software necessari per la telemedicina, per l'attività diagnostica domiciliare preventiva, nonché nei percorsi diassistenza domiciliare integrata sul paziente non autosufficiente, sono garantiti dai fondi PNRR, Missione 6. Questi fondi sono stati oggetto di un finanziamento aggiuntivo pari a 150 milioni di euro complessivi per il biennio 2024-2025. Inoltre, per quanto riguarda le cure domiciliari integrate, come disciplinato dall'articolo 29 dello schema di decreto legislativo, devo ricordare che queste si inseriscono nell'alveo del sub-investimento PNRR M6C1 I1.2.1, casa come primo luogo di cura (ADI), che ha ricevuto un finanziamento aggiuntivo pari a 250 milioni di euro.
  • Si evidenzia, quindi, che i servizi diagnostici e di assistenza domiciliare sono di fatto correlati nel più ampio quadro della riforma dei servizi territoriali, per i quali la legge di bilancio 2022 ha già autorizzato la spesa di 328 milioni di euro per l'anno 2024, 591 milioni per l'anno 2025 e 1.015 milioni per l'anno 2026, a valere sul finanziamento del SSN. Queste risorse sono state incrementate di ulteriori 250 milioni di euro per l'anno 2025 e di 350 milioni di euro a decorrere dall'anno 2026
  • Si mira a trovare nella prossima sede politica della Conferenza una soluzione condivisa in grado di fornire risposte a tutti gli aspetti problematici sollevati e in tal senso è già in corso, in sede di riunione tecnica della stessa Conferenza, l'esame con possibile deliberazione in senso favorevole, di gran parte degli emendamenti proposti da regione ed ANCI.
La scheda dell'interrogazione è disponibile al link ipertestuale.
QUI la risposta completa.


 

Previous Article Con Klinika la gestione dei consensi diventa più semplice… puoi metterci la firma!
Next Article DL Milleproroghe. Pubblicata Legge di conversione
Comments are only visible to subscribers.
Copyright 2024 by Aconet srl
Back To Top