Search
× Search
Pronto soccorso. Cittadini (Aiop): Intervenire su carenze medicina d’urgenza
263

Pronto soccorso. Cittadini (Aiop): Intervenire su carenze medicina d’urgenza

Le richieste avanzate dai medici specialisti dei Pronto soccorso e del 118 testimoniano le difficoltà che il settore della medicina di emergenza e urgenza sta attraversando

La disponibilità, al riguardo, mostrata dal ministro della Salute Schillaci è un segnale importante:  la politica si apre , finalmente, a un confronto serio e concreto per risolvere i problemi dei cittadini e di chi lavora per sostenere un alto livello di qualità del nostro Servizio Sanitario Nazionale.

 Lo afferma in una nota stampa Barbara Cittadini, presidente nazionale di Aiop, l’associazione italiana ospedalità privata, in merito alla protesta degli operatori sanitari dell’emergenza e del 118, che hanno risposto all’iniziativa indetta dalla Società italiana di Medicina d'Emergenza-Urgenza (Simeu) per chiedere interventi urgenti e mirati sui Pronto soccorso italiani.
Aggiunge la Cittadini: “Negli ospedali e nei Pronto soccorso italiani la situazione è molto delicata, la carenza di personale medico e infermieristico allunga notevolmente i tempi di attesa e la qualità dell’assistenza prestata ai pazienti. 
La disponibilità dei posti letto è sempre più limitata e si fatica a garantire un’adeguata programmazione degli interventi, anche a causa delle poche ambulanze a disposizione delle strutture e della scarsa copertura territoriale del primo soccorso. 
La presidente di Aiop condivide le proposte avanzate in merito dalla Fiaso, la Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere, che chiede retribuzioni più alte per chi lavora nei Pronto soccorso, reclutamento degli specializzandi, istituzione del medico unico di emergenza-urgenza. “Mi auguro – sottolinea Cittadini – che il Governo investa in termini di  risorse e progettualità in misura adeguata. 
Occorre gestire, con grande senso di responsabilità, queste e altre criticità che interessano la sanità, come i costi elevati delle prestazioni, dei farmaci e dei dispositivi di protezione individuale, l’ammodernamento edilizio e tecnologico delle strutture, la digitalizzazione, la riduzione delle liste d’attesa, le cure per i malati non Covid, le esternalizzazioni dei servizi. L’Aiop, che rappresenta la componente di diritto privato del SSN, è pronta a sostenere questo percorso di rinnovamento. 
Mettiamo a disposizione la nostra professionalità, le nostre strutture, il nostro know-how, le attrezzature, per contribuire a garantire, insieme alla componente di diritto pubblico, un’offerta sanitaria di eccellenza” conclude Cittadini.

 

A questo LINK la Rassegna Stampa completa 

A questo LINK l'articolo di Milano Finanza 

Previous Article Humanitas vince l’Oscar Sanità 2022
Next Article Informaiop 468

Cerca nelle news

Copyright 2022 by Aconet srl
Back To Top